LA PASTORIZZAZIONE DEL VINO

                                                         

l’eliminazione dei microrganismi

 


Nella metà dell’Ottocento i vignaioli francesi avevano gravi problemi con il vino: inacidiva, diventava imbevibile e provocava serie problemi di salute. Louis Pasteur, dopo una serie di esperimenti, ebbe l’idea di riscaldare il vino fino alla temperatura di 60°, eliminando così quei microrganismi che rendevano acido il vino, con tutte le conseguenze negative per la salute.

                                                                                            

E così nacque la pastorizzazione, applicata poi al latte e ad altri alimenti.

                                                                                         

Il termine pastorizzazione fu introdotto dallo stesso Pasteur, perché desiderava che la sua straordinaria scoperta fosse consegnata alla storia con il richiamo al suo nome.

                                                                                               

Le ricerche di Pasteur furono promosse ed appoggiate dall’imperatore Napoleone III.

                                                                                                    

Ma bisogna ricordare che circa trent’anni prima di Pasteur vari tentativi erano stati messi in atto dall’italiano Agostino Bassi (1773-1856). Infatti Pasteur nelle sue ricerche ripartì da dove Bassi era già arrivato.

                                                                                          

Sonia e Giacomo