Vai ai contenuti

moscato passito di valcalepio

Azienda Vitivinicola Grassenis Sonia. Produciamo vino passito e altri vini da tavola

Archivio

Archivio per Novembre 2017

XIV EDIZIONE VINITALY RUSSIA
                                                                     

20-21 novembre 2017

 

 

È in programma per il 20 novembre a Mosca e il 21 novembre a San Pietroburgo la XIV edizione di “Vinitaly Russia” con la partecipazione di 180 cantine italiane. L’evento si colloca all’interno della “Settimana internazionale della cucina italiana in Russia” (20-26 novembre).

                                                                                          

Per quanto concerne in particolare il vino, la Russia risulta essere tra i dieci più importanti importatori del prodotto italiano. La domanda del vino italiano da parte della Russia negli ultimi dieci anni è cresciuta del 343%.

                                                                                                          

Ieri, 16 novembre, l’ambasciatore d’Italia a Mosca, Cesare Maria Ragaglini, ha presentato il suo nuovo libro, intitolato “Cuciniamo insieme all’ambasciatore italiano”. Si tratta di una raccolta di ricette e aneddoti sulle caratteristiche della tradizione culinaria italiana. Una parte del libro è dedicata alla scelta dei vini in base alle diverse ricette.

                                                                                                         

Sonia e Giacomo

 

 

FORMULE MATEMATICHE A SERVIZIO DEL VINO

                                                                       

c’è un’equazione per tutto  

 

Cantina - Az. Agr. Grassenis Sonia

                                                                                                          

La notizia è stata battuta poche ora fa dall’agenzia ANSA e forse domani sarà sui quotidiani. Si legge che Lucio Cadeddu, ricercatore del dipartimento di matematica e informatica dell’ateneo cagliaritano e Alessandra Cauli, laureata in matematica nella stessa università, hanno firmato un articolo circa il rapporto tra vino e matematica sulla rivista International Journal of Mathematical Education in Science and Technology.

                                                                                                            

Si parla di formule matematiche che regolano l’invecchiamento del vino. C’è un’equazione per tutto. Anche per la corretta realizzazione di una cantina. In particolare per la sua profondità sotterranea: numeri e operazioni per ottimizzare il mantenimento della temperatura ideale. Riducendo al minimo le oscillazioni, senza ricorrere a costosi e poco naturali sistemi di condizionamento dell’aria.

                                                                                                          

Si sa, infatti, che una cantina ideale dovrebbe mantenere la stessa temperatura in tutti i periodi dell’anno.

                                                                                                          

Sonia e Giacomo

 

 

MARIO SOLDATI: VINO AL VINO

                                                              

viaggio alla ricerca dei vini genuini

 

                                                                                                          

Abbiamo rispolverato un volume dello scrittore e regista Mario Soldati (1906-1999) intitolato Vino al vino: alla ricerca dei vini genuini (la prima serie è del 1969),

                                                                                                         

Ci limitiamo, per il momento a riportare quanto si legge nella quarta di copertina del libro:

                                                                                                           

«Vino al vino è il racconto dei tre viaggi compiuti attraverso l’Italia alla ricerca dei vini genuini, alcuni famosi, altri noti, altri ancora scoperti da Soldati stesso. Ma questa non è una semplice guida enologica: è un libro che parla di paesaggi, di uomini, di case, ville e castelli, incontrati e amorevolmente scrutati in un itinerario alla ricerca di una civiltà autentica, legata alla terra e al clima, che ha nel vino uno dei suoi prodotti più sinceri, frutto dell’equilibrio tra natura e cultura. L’autore dichiara a più riprese di non essere un enologo professionista e di trattare ciascun vino come una singolarità da comprendere e di cui preparare un ritratto per i lettori, quasi si trattasse una persona».

                                                                                                         

Sonia e Giacomo

 

IL VINO E LE LINGUE STRANIERE

                                                             

sicurezza espositiva e fluidità linguistica

                                                  

Pierre-Auguste Renoir (1880-1881).

                                          

Secondo uno studio promosso dal Journal of Psychopharmacology si è scoperto che un piccolo apporto di alcool quotidiano può aiutare le persone ad esprimersi in maniera più fluente nelle lingue straniere.

                                                                                            

L’esperimento è stato fatto in una università belga con cinquanta studenti tedeschi impegnati ad apprendere la lingua olandese.
A livello grammaticale gli studenti che avevano sostenuto l’esame orale si equivalevano, ma dal punto di vista della sicurezza espositiva e della fluidità linguistica coloro che avevano assunto una bevanda alcolica risultarono superiori a coloro che avevano bevuto soltanto acqua. L’esperimento è stato fatto con la birra, ma la stessa cosa, dicono gli esperti, sarebbe successa se i candidati avessero bevuto una ragionevole quantità di vino.

                                                                                            

Sonia e Giacomo

 

ORAZIO: VINO E POESIA

                                                              

le dolci muse san di vino 



 

 

Il poeta latino Quinto Orazio Flacco (65-8 a.C.) ha associato l’efficacia della poesia alla energia che proviene dal vino:

                                                                               «Nessuna poesia scritta da bevitori d’acqua
può piacere o vivere a lungo.
Da quando Bacco ha arruolato poeti
tra i suoi Satiri e Fauni,
le dolci Muse san sempre di vino al mattino».

                                                                                 

Sonia e Giacomo

 

 

“EMOZIONI DAL MONDO” XIII EDIZIONE

                                                             

Vignaioli Bergamaschi e Consorzio Valcalepio  

 

                                                                                          

Ne diamo notizia soltanto oggi, ma l’evento risale a qualche settimana fa. Si tratta della XIII edizione del concorso internazionale di vini a base Merlot e Cabernet «Emozioni dal mondo» promosso da Vignaioli Bergamaschi e Consorzio Valcalepio.

                                                                                            

Erano in concorso 256 bottiglie provenienti da 23 Nazioni. Gli esperti degustatori, che hanno valutato i vini erano 70, rappresentanti di 29 Paesi. Al primo posto si è classificata l’Italia con 33 vini premiati. La Cina che si era presentata al concorso con 17 produttori di vini è arrivata seconda con ben 11 bottiglie premiate.

                                                                                            

Sergio Cantoni, che da trent’anni è direttore del Consorzio Valcalcalepio, ha ricevuto un attestato speciale.

                                                                                            

Per altre notizie inerenti il concorso rimandiamo al sito www.emozionidalmondo.it

                                                                                                                                                                           

Sonia e Giacomo

11 NOVEMBRE: SAN MARTINO

                                                             

va l’aspro odor de i vini
l’anime a rallegrar 


Disegno di Margherita - 3^ elementare

                                                                                           

La nebbia a gl’irti colli
piovigginando sale,
e sotto il maestrale
urla e biancheggia il mar;

                                                                                           

ma per le vie del borgo
dal ribollir de’ tini
va l’aspro odor de i vini
l’anime a rallegrar.

                                                                                           

Gira su’ ceppi accesi
lo spiedo scoppiettando:
sta il cacciator fischiando
sull’uscio a rimirar

                                                                                          

tra le rossastre nubi
stormi d’uccelli neri,
com’esuli pensieri,
nel vespero migrar.

                                                                                           

Non potevamo non riprendere, per l’undici novembre, la ben nota poesia di Giosuè Carducci, intitolata San Martino, con il riferimento al ribollir de’ tini e all’aspro odor de i vini.

                                                                                         

Sonia e Giacomo

 

LA MUSICA DI MOZART E LA VITE

                                                    

quali effetti intercorrono? 

 

 

Da qualche anno in un podere situato a 5 km a nord di Montalcino (Siena) la coltivazione dell’uva è supportata dalla musica di Mozart. Più volte programmi televisivi e articoli di giornale hanno presentato questo interessante fenomeno, che è diventato oggetto di studio da parte di alcuni ricercatori. Nessuno si è ancora pronunciato scientificamente per stabilire quale preciso rapporto intercorra tra la musica e la vite.

                                                                                               Molti si sono dimostrati piuttosto scettici, altri invece, più possibilisti, hanno preso a cuore il caso. È comunque qualcosa di originale che si situa tra il prodigioso e lo stravagante. Il fatto merita di essere approfondito e studiato attentamente. Quali sono gli effetti positivi delle onde sonore sulla vite, le foglie e gli acini ? Con quale forza la musica è in grado di impedire ai parassiti di produrre danni alla coltivazione?

                                                                                             Sonia e Giacomo

 

 

FELLINI: UN BUON VINO

                                                     

è come un buon film 


Anita Ekgerger e Federico Fellini

                                                                                           

Federico Fellini (1920-1993), uno dei più grandi registi italiani, ha paragonato un buon vino ad un buon film:

                                                                                          

«Un buon vino è come un buon film
dura un istante e ti lascia in bocca un sapore di gloria;
è nuovo ad ogni sorso e,
come avviene con i film,
nasce e rinasce in ogni assaggiatore».

                                                                                          

Sonia e Giacomo

 

 

KHAYYAM: UNA COPPA DI VINO

                                                    

e l’amor mio


                                                                                          

Khayyam, il poeta del vino, come l’abbiamo definito nell’ultimo articolo che abbiamo pubblicato, ci ha lasciato anche questi versi memorabili:

                                                                                          

Un libro di canzoni

una coppa di vino

una pagnotta di pane

e te, amor mio,

vicino a me,

a cantare nella solitudine.

                                                                                                    

Sonia e Giacomo