ABU NUWAS: LODA IL VINO PER LE SUE GRAZIE

                                                                   

e chiamalo col più bello dei suoi nomi

 

                                                                                                      

«Bevi il vino versato dalla mano di chi è esile di cintura,
ben formato, dritto come un ramoscello di ebano non avente curvature.
Bevilo! E mostrati generoso con quel che hai fra le mani:
non accumulare oggi per timore della povertà di domani.
Quanta differenza vi è tra chi compra il vino del quale si delizia
e chi piange per l’allontanamento dell’amata [...].
Loda il vino per le sue grazie e chiamalo col più bello dei suoi nomi.
Non rendere l’acqua sua soggiogatrice e non  fare il vino signore della sua acqua».

                                                                                                      

Questi versi, tratti da una poesia di Abu Nuwas, sono molto significativi perché celebrano la soavità del vino, non in modo astratto, ma in un contesto esistenziale, semplice e quotidiano.

                                                                                                       

Abu Nuwas, poeta arabo, è vissuto nel secolo VIII. La tematica bacchica ritorna sovente nelle sue poesie.

                                                                                                       

Sonia e Giacomo