Vai ai contenuti

moscato passito di valcalepio

Azienda Vitivinicola Grassenis Sonia. Produciamo vino passito e altri vini da tavola

Archivio

Archivio per Ottobre 2017

IL VINO DEI PAPI D’AVIGNONE

                                                                          

pillole di storia 

 

 

Nel XIV ad Avignone, che per circa settant’anni fu sede pontificia, si consumavano in media 750 litri all’anno di vino a testa.

                                                                                          

Così certifica una ricerca condotta da Jean-Pierre Saltarelli e pubblicata sul Bollettino della società scientifica, storica e archeologica della Corrèze (un dipartimento francese) con il titolo I vini dei papi d’Avignone.

                                                                                          

E non era certamente tutto vino destinato alla celebrazione delle Messe.

                                                                                          

Sonia e Giacomo

 

 

L’ITALIA AL PRIMO POSTO

                                                           

la produzione del vino nel 2016

 

Cliccare sull’immagine per ingrandire

                                                                                          

Alcuni giorni fa abbiamo scritto che la Cina è diventata la più grande produttrice di uva. Ma com’è la situazione per quanto riguarda la produzione del vino? L’Organizzazione Internazionale della Vigna e del Vino (OIV) ha reso pubblica la graduatoria dei maggiori produttori di vino del 2016.

                                                                                         

E come di vede nel grafico sopra riportato, l’Italia mantiene saldamente il primo posto a livello mondiale con 48,8 milioni di ettolitri, seguita dalla Francia con 41,9 milioni di ettolitri. Se si confrontano i dati dal 2009 ad oggi si nota la rivalità tra Italia e Francia per il primo posto.

                                                                                          

Sonia e Giacomo

 

 

TIPOLOGIE DI VINI

                                                                       

la classificazione

 

 

I vini sono classificati generalmente a partire da diversi elementi:
a) l’origine o il territorio nazionale e/o locale
b) il vitigno
c) l’accorpamento di più vitigni
d) il distributore, che può essere: la marca del negoziante, il nome del vinificatore, l’etichetta della cooperativa
e) il colore del vino.

                                                                                               

Sonia e Giacomo

 

 

UNA BOTTE PER CASA E… UN CALICE DI BUON VINO

                                                                        

Diogene il Cinico (IV sec. a.C)

 

Diogene nella botte - Bassorilievo Villa Albani

 

Il filosofo Diogene, detto il Cinico, perché conduceva una vita da cane, abitava in una botte.

                                                                                              

Un calice di buon vino non lo disdegnava mai. Si racconta che un giorno, interrogato quale vino bevesse volentieri, rispose: «Quello degli altri».

                                                                                             Sonia e Giacomo

 


LA PIÙ GRANDE BOTTE DI VINO

                                                                            

221.726 litri 


                                                                                                         

Qualche anno fa, durante le ferie siamo stati a Heidelberg e tra le tante curiosità, abbiamo potuto ammirare la più grande botte di vino al mondo, tutta in legno. Si trova nella fortezza che domina dall’alto la città.

                                                                                                           

Giovanni Casimiro (1543-1592), principe elettore aveva fatto costruire una botte di 125.000 litri. Carlo Ludovico ne progettò una ancora più grande, capace di contenere 195.000 litri. Ma Carlo Teodoro nel 1751 fece costruire una botte con una capacità di 221.726 litri.

                                                                                                           

È la botte che oggi i turisti possono ammirare. Per la costruzione furono impiegati 130 tronchi di quercia. La botte è lunga 8,5 metri ed è alta 7 metri. In cima alla botte si costruì una pista da ballo.

                                                                                                             

Sonia e Giacomo

 

 

MOSCATO PASSITO E CALDARROSTE

                                                                      

un’accoppiata ideale 


 

Che ne è del Moscato Valcalepio che abbiamo vendemmiato a fine settembre e inizio ottobre? È “steso” ad essiccare e vi rimarrà per quattro settimane, prima di essere trasformato in un ottimo vino di qualità. Ma non arriverà sulla tavola prima di due anni. Il processo di lavorazione è lungo e graduale.

                                                                                          

Nel frattempo abbiamo stappato una bottiglia del 2012, dalla fragranza e dal sapore indescrivibili. Un bicchiere di Moscato Valcalepio e un cartoccio di caldarroste: accoppiata ideale!

                                                                                                      

Sonia e Giacomo

 

 

I DIECI VITIGNI PIÙ COLTIVATI

                                                                                                            

11.356 esemplari presenti nel mondo  


Vendemmia (1865) di Pierre Puvis de Chavannes

                                                                                                         

Il giornalista francese PhilippeTestard-Vaillant ha pubblicato sulla rivista scientifica CNRS un lungo articolo sui vitigni più coltivati al mondo. In sintesi dallo studio di Testard-Vaillant si evince che i primi dieci (presi in ordine sparso) sono i seguenti:

                                                                                                           

1. Uva sultanina (detta anche uva passa o uvetta) prende il nome dalla città di Sultania, oggi Sudak, nella penisola della Crimea (Uva bianca)

2. Airén scientificamente detto vitis vinifera (Uva Bianca).

3. Cannonau (sardo) o Garuacha in spagnolo (Uva nera).

4. Merlot (Uva nera).

5. Trebbiano, noto anche come Ugni-blanc (Uva bianca).

6. Cabernet Sauvignon (Uva nera).

7. Carignan o Carignano (Uva nera).

8. Chardonnay (Uva bianca).

9. Dattier de Beyrouth (Uva bianca).

10. Sangiovese (Uva rossa).

                                                                                                                                                                                                    Da notare, tra i primi dieci, il vitigno merlot, coltivato anche presso la nostra azienda.

Secondo il catalogo ufficiale dell’Unione Europea nel 2011 nel vecchio continente erano presenti 1.902 diversi tipi di vitigni. Mentre secondo il VIVC (Vitis International Variety Catalogue) nel 2012, nel mondo esistevano ben 11.356 campioni di vitigni.

                                                                                                      

Sonia e Giacomo

 

 

COME FAR FRONTE AL PROBLEMA DELLA SICCITÀ

                                                                      

prosepettive per il futuro della vite

 

Autunno (1900) - J.W. Godward

                                                                                                          

Sui quotidiani di queste ultime settimane continuano a rincorrersi le notizie relative alla produzione vinicola della stagione 2018, soprattutto per quanto riguarda i danni provocati dalla siccità in certe regioni d’Italia. Ne abbiamo già parlato diverse volte su questo blog. La siccità ha causato un calo di produzione, anche se ha garantito un vino di qualità.

                                                                                                          

Oggi su La Stampa, nelle pagine della provincia di Savona, il giornalista Stefano Pezzini ha riportato, a proposito del problema della siccità, l’opinione di Massimo Enrico, presidente della cooperativa viticoltori del Ponente Ligure. Ecco cosa ha detto: «Dovremo ripensare al modo di coltivare la vite. I cambiamenti climatici sono diventati ormai un’emergenza destinata a diventare annuale. Non possiamo sperare ogni anno nella buona stella. Dobbiamo pensare e progettare modi per poter irrigare, per necessità, anche la vite. Andiamo verso un futuro sempre più siccitoso, se non vogliamo far soffrire le vigne dobbiamo dare acqua in caso di necessità».

                                                                                                          

Sonia e Giacomo